Loading...

Tre semplici test sensoriali per valutare la freschezza dell’uovo

Tre semplici test sensoriali per valutare la freschezza dell’uovo

Il test più semplice e veloce è quello “uditivo”:
agitare l’uovo e sentire se l’albume “sbatte” contro il guscio, facendo un tipico rumore “ciac ciac”.
Se si avverte questo rumore, la camera d’aria, che è lo spazio interno tra il guscio e la parte molle dell’uovo, è già sviluppata e l’uovo, pertanto, non è molto fresco.

Il test “investigativo” è quello “visivo”:
un uovo fresco, se guardato controluce con una luce piuttosto intensa, deve presentarsi con il tuorlo perfettamente al centro, che non si sposta quando l’uovo viene girato sottosopra.

Il test di consistenza è quello “tattile”:
rompere l’uovo su un piatto e verificare che il tuorlo rimanga bombato, a cupola, senza rompersi.
Se premuto con un dito, deve offrire una certa resistenza e risultare elastico senza rompersi.
L’albume non deve essere acquoso e spargersi sul piatto, altrimenti l’uovo non è molto fresco.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *